Il Linguaggio non verbale

Il linguaggio non verbale è quel tipo di comunicazione che avviene anche quando si sta in silenzio ed è composto da più elementi, come l’espressione del viso, i gesti, lo sguardo, l’atteggiamento, la postura , lo spazio, il tatto la tonalità della voce e la velocità dei movimenti.

Questo scambio d’informazioni e messaggi va oltre al linguaggio semantico del messaggio.

Il potere del linguaggio del corpo: il linguaggio non verbale


Dal più piccolo movimento delle mani al modo in cui stai in piedi, il linguaggio del corpo è una potente forma di comunicazione non verbale che la maggior parte di noi esprime e interpreta senza pensarci due volte. Ma capire il linguaggio del corpo e imparare a presentarti meglio può migliorare le tue interazioni quotidiane. Mentre il linguaggio del corpo copre un’ampia gamma di espressioni umane, gli aspetti più cruciali sono la postura, il contatto visivo e lo spazio personale.


Questa lezione è stata scritta da una prospettiva occidentale. Poiché il linguaggio del corpo varia tra le culture, questa lezione non vuole essere universale.

Postura

Quando senti il ​​termine linguaggio del corpo, potresti pensare a come tieni il tuo corpo o alla postura. L’influenza della postura non può essere sottovalutata, soprattutto perché il modo in cui ti tieni può cambiare completamente il corso di un’interazione.

Diciamo che sei andato al negozio e hai bisogno di assistenza. Quando sei andato al banco del servizio clienti, i due dipendenti erano così:

linguaggio non verbale


Ti sentiresti sicuro della loro capacità di servirti o rispettarti come cliente? Ti sentiresti come se avessi tenuto tutta la loro attenzione?

Se ritieni che il dipendente a destra possa essere annoiato o stanco, non ti biasimiamo. Incurvandosi, appare pauroso o letargico. Anche appoggiare la testa sul bancone con un’espressione ottusa non aiuta, soprattutto perché la sua attenzione è occupata dal giocattolo da scrivania.

Per quanto riguarda l’impiegata a sinistra, le sue braccia sono incrociate, una forma di chiusura che suggerisce un atteggiamento di difensiva. La sua faccia è accartocciata come se fosse irritata e distratta, e si è voltato dall’altra parte come se non fossi una priorità. Anche se questi due dipendenti dicessero tutte le cose giuste, la loro cattiva postura minerebbe ogni parola.

Torniamo al servizio clienti, dopo che uno dei dipendenti ha ricevuto alcuni consigli sulla sua postura.

linguaggio paraverbale


Quanto ti sentiresti sicuro della disponibilità di questo dipendente ad aiutare? Sembra vigile, amichevole e pronto a darti tutta la sua attenzione, tutto grazie alla buona postura. È in piedi con la schiena dritta e le spalle tirate indietro mentre è di fronte a te con un sorriso.

Naturalmente, se qualcuno incrocia le braccia o si piega, non sempre dimostra che si sente irritato o spaventato. Tuttavia, leggiamo istintivamente i segnali del linguaggio del corpo e reagiamo in base a ciò che vediamo, indipendentemente dai sentimenti reali dell’altra persona. Sii consapevole di come ti comporti, o potresti dare l’impressione sbagliata.

Contatto visivo

Quando si parla con qualcuno faccia a faccia, uno dei modi più veloci per costruire una connessione personale è attraverso il contatto visivo, che consiste semplicemente nel guardare qualcuno negli occhi durante un’interazione. Un buon contatto visivo mostra che stai prestando attenzione, ti aiuta a leggere le espressioni facciali e spesso ti fa sentire e apparire più sicuro.

Sebbene il contatto visivo sia una componente chiave di interazioni sane, non sempre viene naturale a tutti. Se hai uno scarso contatto visivo, le persone potrebbero presumere che tu sia insicuro, annoiato o che non abbia la fiducia in te stesso per guardarli, anche se non ti senti veramente in questo modo. Ecco perché ti consigliamo di sviluppare le tue capacità di contatto visivo:

Se all’inizio mantenere il contatto visivo è troppo difficile, prova a concentrarti sul punto tra gli occhi dell’altra persona per un secondo o due. Esercitati durante brevi conversazioni con persone di cui ti fidi, quindi passa al contatto visivo diretto. Una volta che ti senti a tuo agio, prova di nuovo con persone che non conosci.
Ti consigliamo di mantenere il contatto visivo per 4-5 secondi, distogliendo delicatamente lo sguardo per un momento, quindi ripetendo. Se guardi qualcuno il 100 percento delle volte, può sembrare intimidatorio o inquietante.
È più facile mantenere il contatto visivo quando ascolti rispetto a quando parli. Se devi distogliere lo sguardo più spesso mentre parli, è perfettamente normale.
Diventare a proprio agio con il contatto visivo richiede tempo. All’inizio può essere difficile, ma è un’abilità inestimabile che vale lo sforzo.

Spazio personale

Lo spazio personale è una parte semplice ma fondamentale del linguaggio del corpo. È all’incirca un raggio di 4 piedi (o 1,2 metri) attorno a qualcuno, anche se può variare a seconda della persona. In genere, solo la famiglia e gli amici intimi entrano in quest’area, quindi, a meno che tu non condivida una relazione intima con l’altra persona, stai a una distanza compresa tra 4 e 8 piedi (o da 1,2 a 2,4 metri) mentre conversi con loro. In caso contrario, potrebbe causare problemi.


Se ti avvicini troppo, l’altra persona potrebbe sentirsi a disagio o addirittura minacciata dalla tua presenza e potrebbe non registrare le tue parole a causa del suo disagio. Stanno distogliendo lo sguardo, parlando a intervalli brevi o indietreggiando da te? Se è così, potresti essere troppo vicino. Riconoscere e rispettare lo spazio personale assicurerà che il tuo messaggio non vada perso a causa della distanza.


Comprendere i vari aspetti del linguaggio del corpo può fare la differenza nel modo in cui le persone ti percepiscono e nel modo in cui le percepisci. Sii consapevole di come ti presenti e puoi dire molto senza dire una parola.

Le Risorse Gratuite del #MAgodelPC

Per te Gratis l’Ebook Facebook Marketing per tutti
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis  l’Ebook Digital Marketing
Per te Gratis l’Ebook Il CV Perfetto 
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis l’Ebook Content Marketing 

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e posso esserti di supporto con consulenze mirate allo sviluppo e crescita della tua azienda. Eseguo riparazioni PC, Mac e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e a domicilio. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: