SSD: cosa sono?

Le unità a stato solido (SSD) sono la controparte veloce di illuminazione del tradizionale disco rigido con parti mobili. Gli ultimi anni hanno visto un notevole aumento della disponibilità e maggiore scelta.

Hanno anche mostrato una drastica diminuzione del prezzo, anche se sono ancora più costose delle unità tradizionali.

In questo articolo di blog analizzeremo le differenze tra HDD E SSD e principalmente scopriremo:

 

Cosa Sono SSD

Che cos’è un SSD (unità a stato solido)?

Potrebbe essere difficile da credere, ma le unità a stato solido sono in realtà una tecnologia piuttosto vintage. Gli SSD esistono da ormai decenni, disponibili sotto varie forme.

Un po’ di storia

I primi erano basati sulla RAM ed erano così proibitivi in termini di costi da apparire solo in computer di fascia alta e super.

Negli anni ’90, gli SSD basati su Flash fecero la loro comparsa, ma erano ancora troppo costosi per il mercato consumer e non facevano quasi nulla al di fuori dei circoli informatici specializzati. Per tutti gli anni 2000, il prezzo della memoria flash ha continuato a diminuire e alla fine del decennio le unità a stato solido di consumo stavano facendo breccia nel mercato dei personal computer.

Per prima cosa è bene spiegare che cos’è un HDD, ovvero, un disco rigido.

Cos’è un disco rigido (HDD) tradizionale

Un HDD è, nella sua forma più semplice, un insieme di piatti di metallo rivestiti con un materiale ferromagnetico. Quei piatti girano su un fuso (proprio come un disco gira su un giradischi). La superficie dei piatti magnetici è segnata da un minuscolo braccio meccanico (il braccio dell’attuatore) con una punta molto fine (la testina).

I dati vengono memorizzati cambiando la polarità dei bit magnetici sulla superficie dei piatti. Ovviamente è un po’ più complicato di così, ma basti dire che l’analogia di un braccio di un giradischi automatico che cerca una traccia su un disco non è lontano dal braccio dell’attuatore e dalla testa di un HDD che cerca i dati . Quando vuoi scrivere o leggere dati da un HDD magnetico, i piatti girano, la testina cerca e i dati vengono localizzati. È un processo tanto meccanico quanto digitale.

Le unità a stato solido, al contrario, non hanno parti mobili. Sebbene la scala sia diversa e la dimensione della memoria significativamente più grande, un SSD ha molto più in comune con una semplice unità flash portatile rispetto a un HDD meccanico.

La stragrande maggioranza degli SSD sul mercato è di tipo NAND, un tipo di memoria non volatile che non richiede elettricità per mantenere la capacità di archiviazione dei dati .

Questo a differenza della RAM del computer, che perde i dati archiviati non appena viene si spegne. La memoria NAND fornisce anche un aumento significativo della velocità rispetto ai dischi rigidi meccanici, poiché il tempo sprecato per girare e cercare viene rimosso dall’equazione.

Ora che abbiamo scoperto cos’è un HDD, possiamo comprendere meglio come funzionano gli SSD.

Come funzionano gli SSD?

Ora, è più utile confrontarli con i tradizionali dischi rigidi che usi da anni ormai. Diamo un’occhiata ad alcune differenze chiave in un confronto punto per punto. Vediamo un po’ le differenze sostanziali tra HDD e SSD:

  • Rumore: gli SSD sono silenziosi; nessuna parte in movimento significa nessun rumore. Gli HDD vanno da livelli di suono piuttosto silenziosi  e a volte suoni improvvisi, piuttosto strani e goffi.
  • Affidabilità: a parte i singoli problemi di produzione (dischi difettosi, problemi con il firmware, ecc.), le unità SSD emergono in vantaggio nel reparto di affidabilità fisica. La stragrande maggioranza dei guasti dell’HDD è il risultato di un guasto meccanico. Ad un certo punto, dopo decine di migliaia di ore di funzionamento, una trasmissione meccanica si consumerà semplicemente. In termini di durata in lettura/scrittura, invece, vincono gli HDD .Tieni presente che non c’è limite di scrittura su un disco magnetico, è possibile cambiare la polarità e un numero indefinito di volte.
  • Tempo di rotazione: gli SSD non hanno tempo di rotazione, poiché l’unità non ha parti mobili. Gli HDD hanno tempi di rotazione variabili, in genere alcuni secondi, quando si sente un clic-strano per un momento o due quando si avvia il computer o si accede a un’unità utilizzata di rado.
  • Tempo di accesso ai dati e latenza: gli SSD si accendono velocemente e generalmente cercano un ordine di 80-100 volte più veloce degli HDD. Saltando la routine meccanica di rotazione e ricerca, gli SSD accedono ai dati quasi istantaneamente ovunque si trovino sul disco. Gli HDD sono ostacolati dal movimento fisico dell’armatura e dalla rotazione dei piatti.

In sintesi

Gli SSD funzionano come dischi rigidi, ma con una tecnologia diversa. Come le unità USB, gli SSD utilizzano la memoria flash per archiviare i dati, a cui si accede digitalmente. Un disco rigido (HDD) utilizza un piatto rotante e un braccio che si muove attraverso il piatto per leggere ogni porzione di dati.

Gli SSD hanno un numero finito di cicli di scrittura. Questo problema del ciclo di scrittura limitato è molto strombazzato da persone che denigrano gli SSD, ma la realtà è che l’utente medio di computer farebbe fatica a raggiungere il tetto dei cicli di lettura-scrittura su un SSD.

Gli SSD moderni, possono gestire centinaia di TiB di dati scritti in pochi decenni di utilizzo, un utilizzo maggiore di quello a cui la maggior parte delle persone utilizzerà un’unità.

Le unità a stato solido, come suggerisce il nome, non hanno parti mobili, a differenza delle unità disco rigido. Invece, i dati vengono archiviati su una serie di chip NAND, che possono mantenere la loro carica senza una fonte di alimentazione. Le unità disco rigido (HDD) memorizzano i dati su una serie di dischi magnetici rotanti chiamati piatti.

Per quanto tempo gli SSD sono in grado di contenere i dati?


La maggior parte degli SSD conserverà i tuoi dati senza alimentazione per 5-10 anni. Gli HDD hanno una durata simile, ma hanno maggiori probabilità di danneggiarsi perché sono costituiti da parti mobili. Le unità flash, ad esempio, possono conservare i dati per più di dieci anni. Quelli più avanzati hanno una durata minima di 10 anni.

Cosa conserva i dati più a lungo senza alimentazione, il sistema  SSD o l’ HDD?

I modelli più recenti di SSD affermano di essere in grado di conservare i dati fino a 50 anni senza alimentazione, il che ha detto che il consenso medio, come abbiamo detto nel paragrafo precedente è compreso tra 5 e 10 anni in base ai dati dei consumatori.


Svantaggi degli SSD

Gli SSD di livello consumer sono più costosi dei dischi rigidi. A causa della struttura unica del file system di un SSD, l’estrazione dei dati può essere un processo estremamente difficile e lungo. Poiché il processo di recupero dei dati è così difficile e richiede così tanto tempo, può essere assai costoso.

Cosa può danneggiare e causare guasti all’SSD?

  • Cortocircuiti in unità a stato solido. 
  • Errore di aggiornamento del firmware dell’unità.
  • Guasti fisici con i componenti dell’azionamento.
  • Danneggiamento dei dati all’interno dell’unità a stato solido.
  • Danni causati dall’acqua, l’umidità o da un colpo pesante e da estremo calore.

Puoi riparare SSD manualmente o utilizzare: iSkysoft Data RecoveryEase, US Partition Master, Stellar Data Recovery,  per citarne alcuni (strumenti di riparazione SSD per aiutarti a riparare SSD danneggiato). Oppure, è possibile utilizzare lo strumento di controllo errori disco su Windows, chiamato Checkdisk o Scandisk.

Se tutti questi metodi non funzionano bene, contatta il produttore dell’SSD e verifica se hanno soluzioni migliori per te.

Quante volte è possibile riscrivere su un SSD?


Un SSD che memorizza due bit di dati per cella, comunemente indicato come flash multi-level cell (MLC), generalmente supporta fino a 10.000 cicli di scrittura con NAND planare e fino a 35.000 cicli di scrittura con NAND 3D. Questo in media, chiaro che quelli un po’ più costosi, hanno caratteristiche più performanti.

Il Team del #MAgodelPC vi saluta e vi dà appuntamento al prossimo articolo.

Se vuoi migliorare le tue conoscenze informatiche e le relative applicazioni , ti consigliamo il nostro Corso su Mac OS , Corso di Informatica .

Vuoi migliorare le tue conoscenze Informatiche, ti consigliamo di visitare la nostra pagina dedicata ai Corsi di Formazione .

Hai bisogno di Assistenza o Consulenza, cosa aspetti visita la nostra area dedicata ai Servizi e Consulenze .

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite :

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e posso esserti di supporto con consulenze mirate allo sviluppo e crescita della tua azienda. Eseguo riparazioni PC, Mac e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e a domicilio. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Un pensiero su “SSD: cosa sono?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: