Le truffe più comuni di Facebook

Facebook è utilizzato da veramente moltissimi utenti e purtroppo molti di loro non sono in grado di riconoscere le truffe più comuni.

In questo articolo di blog volevo elencarti le principali truffe, quelle più diffuse un questo famosissimo Social Network.

Phishing su Facebook

Il phishing è l’atto di impersonare un servizio per convincere un target a rinunciare alle proprie credenziali di accesso. Sebbene il phishing di Facebook non sia in definitiva diverso da qualsiasi altro tipo di phishing, è significativo perché alcune delle altre truffe in questo elenco si basano pesantemente su account compromessi.

La maggior parte del phishing avviene tramite e-mail quando un truffatore invia un messaggio chiedendo al bersaglio di accedere al proprio account, recuperare la propria password o verificare i dettagli dell’account. Quando si fa clic su questo collegamento, il target viene indirizzato a un sito Web che assomiglia molto a Facebook ma in realtà è ospitato altrove. Puoi individuare una truffa come questa guardando la barra degli indirizzi del tuo browser. Se legge qualcosa di diverso da “facebook.com”, allora sei stato ingannato.

Poiché Facebook è un Social Network, i tuoi amici influenzano il tuo comportamento durante l’utilizzo del servizio. Se vedi che un amico fidato o un familiare ha apprezzato una pagina, ha condiviso un post o ti ha consigliato un servizio sulla piattaforma, è molto meno probabile che lo metta in dubbio. L’associazione con i tuoi amici diventa un tacito avallo.

Con le chiavi del tuo account Facebook, un truffatore ha accesso alla tua lista completa di amici. Possono dire a chi mandi messaggi e con che frequenza lo fai e persino di cosa parli. Queste informazioni potrebbero essere utilizzate per condurre truffe personali altamente mirate o potrebbero essere utilizzate per lanciare una rete molto più ampia sull’intero elenco di amici.

Truffe romantiche/ amorose

Le truffe romantiche sono elaborate, ma hanno ingannato molti. Anche se purtroppo è evidente che Angelina Jolie non abita nel tuo quartiere e tantomeno vuole conoscerti con insistenza. Ora vanno di moda anche gli uomini single americani con figli, divorziati. La maggior parte delle volte, il truffatore utilizzerà una relazione per estrarre denaro e altri beni dalla vittima. Queste truffe possono avere conseguenze disastrose ben oltre la perdita finanziaria se si spingono troppo oltre.

Diffida sempre di chiunque incontri online poiché è così difficile dimostrare che sono chi dicono di essere. Anche le telefonate e le conversazioni in webcam possono sembrare legittime pur essendo in definitiva ingannevoli. Sfortunatamente, molti di coloro che sono attirati da questa truffa non sono in grado o non vogliono vedere che vengono utilizzati.

Il premio inaspettato o la truffa della lotteria

La maggior parte di noi non si innamorerebbe di una lettera nella posta che ci dice che abbiamo vinto una lotteria che non ricordiamo di aver partecipato. La maggior parte di noi non si innamorerebbe di un’e-mail o di un messaggio casuale su Facebook, avvisandoci di questo. Ma cosa succede se ricevi questo messaggio esatto e un messaggio da un amico che ti dice che ha già incassato le sue vincite?

Questa è la truffa dell’anticipo, noto anche come il “principe nigeriano” o truffa 419 (poiché violano la sezione 419 del codice penale nigeriano, che si occupa di frode), con una svolta. Gli account compromessi sono il terreno fertile perfetto per questo tipo di truffa. L’approvazione di un amico di cui ti fidi può essere sufficiente per ribaltarti. Questi amici commenteranno spesso di aver visto il tuo nome nella “lista dei vincitori”, che dovresti sempre considerare come una bandiera rossa.

Alla fine la truffa prende la stessa piega di ogni altra truffa 419 là fuori. Ti verrà detto che è necessario pagare una commissione di “elaborazione” o “amministrazione” per inviare denaro sul tuo account. A volte i truffatori proveranno più volte a farti pagare “multe” o “commissioni di transazione” relative al saldo. Sospettosamente, queste commissioni non possono mai essere sottratte dalle tue vincite.

Buoni regalo e coupon falsi

Probabilmente hai visto queste truffe di buoni regalo o buoni sconto pubblicizzate sul Web ma non hai mai pensato di fare clic su di esse. Ma non è così quando sono condivisi da un amico, una tattica su cui molti truffatori fanno affidamento per reclutare più vittime.

Se ricevi una Gift card, ovvero una carta regalo gratuita o un codice sconto significativo per un grande rivenditore su Facebook. Curioso, ci clicchi sopra e ti viene chiesto di compilare un modulo in modo da poter ricevere il tuo codice. Alla fine del processo, ti viene detto di condividere il post, a quel punto riceverai ciò che ti è stato promesso. Il problema è che la tua carta regalo o lo sconto non arrivano mai.

Potresti non pensarci più, ma sei già stato truffato. Le informazioni personali, in particolare i nomi collegati a indirizzi, una data di nascita e un indirizzo e-mail valido, hanno tutti valore online. I tuoi dati potrebbero essere venduti a spammer che li utilizzeranno per scopi di marketing. Probabilmente riceverai molte più chiamate a freddo ed e-mail indesiderate.

A volte i truffatori tenteranno la truffa al contrario inviando buoni regalo falsi a un indirizzo fisico. Quando “attivi” la carta regalo visitando il link sul retro, le tue informazioni vengono prese per essere vendute altrove e la tua carta regalo non funziona mai.

Sii immediatamente sospettoso di qualsiasi concorrenza o offerta che ti chieda di condividere il post come parte del reclamo o della partecipazione. Facebook e Twitter hanno represso questo comportamento anni fa e non è più tollerato come mezzo valido per partecipare a concorsi o richiedere sconti o crediti in negozio.

Cattivi venditori sul Marketplace di Facebook

Il Marketplace di Facebook e l’enorme numero di gruppi di acquisto/vendita/scambio sulla piattaforma sono un modo utile per capovolgere vecchi oggetti o acquistare beni di seconda mano nella tua zona. C’è anche un enorme potenziale che le cose vadano storte attraverso truffatori e attori.

Non dovresti mai acquistare un articolo sul Marketplace di Facebook che non puoi ispezionare o ritirare di persona. Facebook Marketplace non è eBay e non dispone di alcuna protezione dell’acquirente per proteggerti dai venditori che non invieranno gli articoli che hai acquistato. Inoltre, i venditori utilizzano spesso le funzionalità di pagamento personali riservate per amici e familiari su servizi come PayPal, dove non è possibile annullare il pagamento.

“Non so a chi lasciare l’eredità”

Questa truffa è ridicola, eppure, purtroppo funziona. Praticamente si inviano messaggi dove qualcuno/a finge di essere disperato perché non sa a chi lasciare l’eredità e sta per morire oppure qualcuno per conto di terzi cerca un ereditiero. Tutto questo in cambio del tuo Iran e i tuoi dati sensibili.

La malattia, le onlus finte, ecc.

Anche qui, in questo caso verrai contattato da persone bisognose o finte associazioni che ti chiederanno aiuto.

Le fattucchiere e le maghe che levano il malocchio

In questo caso si va di superstizione dove alcune pseudo maghe millantano di levarti un eventuale malocchio a distanza. Quanta fantasia, è veramente assurdo tutto questo.

Clickbait utilizzato per diffondere malware

Questa è la stessa tecnica utilizzata in tutto il Web da inserzionisti ingannevoli per aumentare i clic. Vedrai una pubblicità per un video, un titolo molto curioso  o un altro titolo altrettanto scandaloso. Quando fai clic su di esso, di solito verrai indirizzato attraverso alcuni reindirizzamenti prima di atterrare su un sito Web che tenta di installare malware sul tuo computer.

Su Facebook, questi collegamenti appaiono spesso a intervalli tempestivi, come quando il social network sta discutendo del lancio di nuove funzionalità. Alcune di queste truffe offrono l’aggiunta di funzionalità al tuo account, come il leggendario pulsante “Non mi piace” o un mezzo per vedere chi ha visualizzato il tuo profilo. In caso di dubbio, una rapida ricerca su Internet dovrebbe rivelare eventuali modifiche legittime e puoi ignorare il clickbait.

Mentre Facebook può rimuovere collegamenti o aggiungere dichiarazioni di non responsabilità accanto a storie fuorvianti e false, l’uso di siti Web di abbreviazione di URL e collegamenti di reindirizzamento vengono ampiamente utilizzati per eludere il rilevamento. Per la tua sicurezza (e per privare i truffatori dei clic), dovresti evitare del tutto contenuti di spam come questo.

Buonsenso 

Molte , e purtroppo non tutte le truffe possono essere evitate se segui una semplice regola: se sembra troppo bello per essere vero, probabilmente lo è. Per il resto, dovrai solo essere vigile e mettere sempre in discussione i motivi della persona che interagisce con te, che si tratti di un evento di Facebook, di un post sponsorizzato o di un messaggio non richiesto.

Le Risorse Gratuite del #MAgodelPC

Per te Gratis l’Ebook Facebook Marketing per tutti
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis  l’Ebook Digital Marketing
Per te Gratis l’Ebook Il CV Perfetto 
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis l’Ebook Content Marketing 

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .
Al prossimo articolo.
Saluti dal #MAgodelPC

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e ti offro consulenze. Eseguo riparazioni pc e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e in sede. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: