Conversazioni 3D ed ologrammi? Meta news

Conversazioni 3D, la nuova frontiera di Metaverso ricorda un po’ i film di fantascienza.

Da quando Star Wars ha mostrato per la prima volta gli Jedi e personaggi politici spaziali che parlano  tra loro attraverso tecnologie futuristiche e ologrammi, chiamare qualcuno e chattare con il loro simulacro 3D è diventato un punto fermo della fantascienza.

Ma sulla base di una domanda di brevetto pubblicata a gennaio, sembra proprio che Facebook Meta stia cercando di trasformare le conversazioni in 3D in realtà, anche se non proprio come avveniva nel film di Lucas.

Disclaimer

Anche se molti brevetti non finiscono mai per diventare un prodotto reale, il brevetto suggerisce come Meta immagina il futuro della comunicazione.

Brevetto Conversazioni 3D

Sia chiaro innanzitutto che è una domanda di brevetto che è stata recentemente resa pubblica; il brevetto non è stato ancora concesso. Meta, per ora,  ha depositato una domanda di brevetto nel 2020 intitolata Conversazioni 3D in un ambiente di realtà artificiale. In particolare, l’applicazione delinea una pipeline per acquisire e trasmettere rappresentazioni 3D dei chiamanti in modo tale da consentire ai partecipanti alla conversazione di apparire faccia a faccia.

Conversazioni 3D: chiamate futuristiche

Fondamentalmente, Meta sembra essere interessato a creare il back-end e la piattaforma che consenta in primo luogo le chiamate 3D.

Detto questo, anche se non si fa menzione di prodotti specifici che potrebbero sfruttare questa tecnologia di conversazione 3D, sappiamo che Meta sta lavorando su qualsiasi cosa, dagli occhiali AR a uno smartwatch compatibile con il metaverso. Infatti, l’azienda produce già i visori VR più popolari al mondo.

Intelligenza Artificiale

È difficile avere una conversazione che sembri “faccia a faccia” se uno o più partecipanti indossano un visore AR o VR. Per questo, Meta ha una soluzione: l’IA(intelligenza artificiale).

L’azienda descrive come i filtri AI potrebbero essere applicati per la rimozione dei dispositivi di realtà artificiale che l’utente inviante potrebbe indossare.Meta rileva inoltre che i filtri possono rimuovere gli sfondi dei chiamanti per far sembrare che occupino lo stesso spazio.

Come possono essere trasmesse conversazioni 3D su dispositivi 2D?

Sui display 2D, ovviamente non otterresti una vera rappresentazione 3D, ma invece potresti avere un effetto più simile alle foto 3D di Facebook o ai filtri AR esistenti. I tuoi occhi non sarebbero in grado di vedere la vera profondità stereoscopica, ma dovresti essere in grado di muoverti intorno alla persona con cui stai parlando come un oggetto AR.

Cosa significa esattamente Meta per conversazioni “3D”?


Il brevetto è scritto in un linguaggio ampio e copre una moltitudine di dispositivi e casi d’uso, ma il succo è che Meta sta cercando di chiamare dibs su un processo per catturare e trasmettere il tuo corpo in 3D, sia che venga visualizzato su un visore AR, un telefono, o da qualsiasi nuova tecnologia del futuro.

In altre parole, l’obiettivo è far sembrare che l’altra persona sia nella tua stessa stanza.

Meta sembra più interessato al modo in cui i dati 3D vengono acquisiti, trasmessi e resi.

In particolare, il brevetto afferma che queste conversazioni 3D possono potenzialmente avvenire praticamente su qualsiasi display immaginabile, dagli occhiali per realtà mista ai telefoni, ai display a campo luminoso, agli schermi nebulizzati a anche con ologrammi reali come nei film di fantascienza.

Novità 3D rispetto alle videocghiamate

Ma le videochiamate sono già ottimo strumento di comunicazione, quindi  cosa porta di nuovo il 3D?
Il brevetto di Meta è interessato a utilizzare rappresentazioni 3D realistiche per comunicare il linguaggio del corpo per conversazioni più naturali. Ciò è in contrasto con le tipiche videochiamate, che tendono a concentrarsi solo sul viso.

Interazioni

Riuscire a comprendere il linguaggio del corpo e il contesto può essere difficile solo con una rappresentazione bidimensionale 2D di un mittente. Inoltre, la comunicazione spesso si basa sulle interazioni interpersonali, come i movimenti spaziali tra i partecipanti.

Tuttavia, la comunicazione tramite videochiamata non offre la possibilità ai partecipanti di muoversi l’uno rispetto all’altro, poiché il punto di vista è fisso sulla fotocamera del mittente. Inoltre, la limitazione delle videochiamate su uno schermo piatto introduce uno strato di tecnologia invadente che può distrarre dalla comunicazione e diminuire la percezione della comunicazione di persona.

Costruire Avatar realistici

Ma questo brevetto non si occupa di avatar senza gambe da cartone animato. Invece, l’obiettivo è quello di acquisire dati di profondità reale dai partecipanti e trasmettere la loro somiglianza nel modo più realistico possibile: l’obiettivo è imitare la conversazione della vita reale.

Come consentire le conversazioni su tutti i dispositivi?

Questa sera una delle grandi sfide del metaverso. Le conversazioni non possono avvenire solo su visori VR o AR, almeno non a breve. Deve esserci un modo per consentire le conversazioni e le interazioni su tutti i tipi di dispositivi.

Connessione 3D e 2D

Il predominio esistente di Meta sulle piattaforme social e sulle esperienze VR, è in una posizione migliore di chiunque altro per creare il tessuto connettivo tra gli spazi 3D e 2D.

Certo, Meta non è l’unica azienda che lavora su chiamate 3D. Google ha Starline, Cisco ha Webex Hologram e Microsoft ha la sua piattaforma Mesh.

Le Risorse Gratuite del #MAgodelPC

Per te Gratis l’Ebook Facebook Marketing per tutti
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis  l’Ebook Digital Marketing
Per te Gratis l’Ebook Il CV Perfetto 
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis l’Ebook Content Marketing 

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .
Al prossimo articolo.
Saluti dal #MAgodelPC

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e posso esserti di supporto con consulenze mirate allo sviluppo e crescita della tua azienda. Eseguo riparazioni PC, Mac e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e a domicilio. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: