Anagrafe delle Criptovalute

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato Il decreto ministeriale con cui si disciplina l‘Anagrafe delle criptovalute GU n. 40 del 17 febbraio 2022.

Il decreto sull’anagrafe delle criptovalute è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 febbraio 2022 e prevede l’obbligo di iscrizione nel registro della valuta gestito dall’OAM (Organismo Agenti e Mediatori).

Anagrafe delle Criptovalute

Cosa cambia?

I soggetti che operano in Italia dovranno trasmettere trimestralmente al MEF i dati delle operazioni con i saldi delle transazioni. Il decreto attuativo firmato dal Ministro dell’Economia istituisce quindi un registro nel quale dovranno registrarsi obbligatoriamente tutti gli exchangers e tutti i gestori di crypto wallet. Questo non vale solo per  solo le piattaforme italiane e con sede in Italia, ma anche quelle straniere.

La comunicazione dovrà contenere:

Per le persone fisiche:

  • il cognome e il nome;
  • il luogo e la data di nascita;
  • la cittadinanza;
  • il codice fiscale, ove assegnato;
  • gli estremi del documento di identificazione;
  • la residenza anagrafica, nonché il domicilio, se diverso dalla residenza;
  • un indirizzo di posta elettronica certificata per le comunicazioni tra il prestatore e l’OAM;
  • l’indicazione della tipologia di attività svolta in qualità di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e/o di prestatore di servizi di portafoglio digitale; l’indicazione della tipologia di servizio prestato tra quelli elencati nell’allegato 2 del decreto;
  • le modalità di svolgimento del servizio, con l’indicazione del numero e dell’indirizzo dei punti fisici di operatività, ivi compresi gli eventuali sportelli automatici (ATM), e/o dell’operatività on-line con l’indicazione dell’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.

Per i soggetti diversi dalle persone fisiche:

  • la denominazione sociale
  • la natura giuridica del soggetto
  • il codice fiscale/partita IVA
  • la sede legale e, se diversa dalla sede legale, la sede amministrativa
  • per i soggetti con sede legale in altro Stato membro dell’Unione europea, la sede della stabile organizzazione nel territorio della Repubblica
  • il cognome, il nome, il luogo e la data di nascita, il codice fiscale, ove assegnato, e gli estremi del documento di identificazione del legale rappresentante
  • un indirizzo di posta elettronica certificata per le comunicazioni tra il prestatore e l’OAM
  • l’indicazione della tipologia di attività svolta in qualità di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e/o di prestatore di servizi di portafoglio digitale
  • l’indicazione della tipologia di servizio prestato tra quelli elencati nell’allegato 2 del decreto
  • le modalità di svolgimento del servizio, con l’indicazione del numero e dell’indirizzo dei punti fisici di operatività, ivi compresi gli eventuali sportelli automatici (ATM), e/o dell’operatività on-line con l’indicazione dell’indirizzo web tramite il quale il servizio è svolto.

I servizi sono i seguenti:

  • Servizi di portafoglio digitale.
  • Servizi di emissione, offerta di valute virtuali;
  • Servizi trasferimento e compensazione in valute virtuali;
  • Servizi funzionali all’utilizzo e allo scambio di valute virtuali e/o alla loro conversione da ovvero in valute aventi corso legale o in rappresentazioni digitali di valore, ivi comprese quelle convertibili in altre valute virtuali;
  • Ogni altro servizio funzionale all’acquisizione, alla negoziazione o all’intermediazione nello scambio di valute virtuali (es. esecuzione, ricezione, trasmissione di ordini relativi a valute virtuali per conto di terze parti, servizi di collocamento di valute virtuali, servizi di consulenza su valute virtuali);

Eventuali variazioni dei dati dichiarati dovranno essere comunicate entro quindici giorni dalla variazione dei medesimi dati

La legge precedente (25 maggio 2017)

Precedentemente, con il decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 90, i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale erano stati  inclusi tra i destinatari degli obblighi antiriciclaggio, limitando lo svolgimento dell’attività di conversione di valute virtuali da ovvero in valute aventi corso forzoso.

Con il metodo della nuova Anagrafe i dati delle operazioni le transazioni  e i saldi saranno trasmessi trimestralmente al Ministero dell’economia e per chi opererà in Italia sarà obbligatoria l’iscrizione nel registro della valuta gestito dall’OAM Oorganismo Agenti e Mediatori).

Cosa succede se non si comunicano i dati?

Chi non adempierà all’obbligo non potrà operare in Italia e rischia fino all’oscuramento del sito.

Il registro sarà  accessibile alla Guardia di finanza e altre forze di polizia nel caso di controlli e accertamenti.

La sezione sarà operativa entro il 18 maggio. Da questa data in poi, nel caso di mancato rispetto del termine per la comunicazione o di diniego all’iscrizione da parte dell’Organismo l’eventuale esercizio dell’attività verrà considerato abusivo in termini di legge.

Il decreto chiarisce anche cosa si debba intendere per valuta virtuale 

 “…la rappresentazione digitale di valore, non emessa né garantita da una banca centrale o da un’autorità pubblica, non necessariamente collegata a una valuta avente corso legale, utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi o per finalità di investimento e trasferita, archiviata e negoziata elettronicamente”.

L’esercizio sul territorio della Repubblica italiana dei servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e dei servizi di portafoglio digitale di cui all’art. 1, comma 2, lettere b) e c) è dunque riservato ai soggetti che siano iscritti nella sezione speciale del registro.

Ai fini dell’iscrizione nella sezione speciale del registro i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale e i prestatori di servizi di portafoglio digitale, in possesso dei requisiti di cui all’art. 17-bis, comma 2, del decreto legislativo del 13 agosto 2010, n. 141, sono tenuti alla comunicazione di cui all’art. 17-bis, comma 8 ter del decreto legislativo del 13 agosto 2010, n. 141.

Le Risorse Gratuite del #MAgodelPC

Per te Gratis l’Ebook Facebook Marketing per tutti
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis  l’Ebook Digital Marketing
Per te Gratis l’Ebook Il CV Perfetto 
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis l’Ebook Content Marketing 

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .
Al prossimo articolo.
Saluti dal #MAgodelPC

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e posso esserti di supporto con consulenze mirate allo sviluppo e crescita della tua azienda. Eseguo riparazioni PC, Mac e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e a domicilio. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: