Google Analytics: ciò che non dovresti ignorare

Google Analytics è un sistema molto intelligente e se lo sai usare in modo corretto è un tool indispensabile per ogni marketer. Infatti, Google Analytics combina Javascript con i cookie per tracciare tutti i tipi di dati sui visitatori. Non è necessario installare nulla sul server e non è necessario che esamini i file di registro.

Alcuni dati di Google Analytics possono risultare imprecisi e fuorvianti se non sai interpretarli in modo corretto, devi prestare attenzione ad alcuni dati in particolare.
Ecco alcune statistiche più fuorvianti nelle statistiche Web. Alcuni sono limitazioni tecniche non risolvibili; altri sono problemi di installazione facilmente risolvibili.

Ecco una breve  carrellata di ciò che non dovresti assolutamente ignorare prima di analizzare i tuoi dati.

Google Analytics

Sorgenti di traffico

Per sorgenti di traffico si intende il rapporto Canali in Google Analytics.

Il rapporto Acquisizione di Google Analytics > Tutto il traffico > Canali è notoriamente ritenuto  problematico. Infatti Sorgenti di traffico dovrebbe mostrarti come le persone sono arrivate al tuo sito web. Le tre categorie principali sono Ricerca, Referral e Direct. Ecco le principali sorgenti di traffico:

Traffico di ricerca

In questo caso i visitatori che ti hanno trovato attraverso una pagina dei risultati di un motore di ricerca organico (SERP). Questo è traffico non pagato, organico.

Traffico di referral

Sono i visitatori che sono arrivati ​​al tuo sito facendo clic su un link su un altro sito web.

Traffico diretto

A questa categoria appartengono i visitatori che hanno digitato il tuo indirizzo direttamente in un browser specifico.
Tuttavia ci sono tutti i tipi di motivi per cui i dati di Google Analytics sono imprecisi.

Ti sarà utile sapere che gran parte del rapporto Acquisizione > Canali è classificato in modo errato, etichettato in modo errato e incompleto.

Traffico di ricerca (da Google, Bing, ecc…)


Sebbene ci piacerebbe credere che il traffico di ricerca sia tutti quelli che ci hanno scoperto attraverso una ricerca per parola chiave, ci sono due problemi qui: ricerche con marchio e dati di parole chiave nascosti.

Parole chiave del brand che appaiono nel traffico di ricerca


Il traffico di ricerca include “parole chiave del marchio” come il nome dell’azienda. Anche se tecnicamente si tratta ancora di traffico di ricerca, questi visitatori ti conoscevano già. Potrebbero aver cercato accidentalmente il tuo indirizzo web invece di inserirlo nella barra degli indirizzi. Probabilmente, i visitatori che trovano siti Web cercando il marchio sarebbero classificati come traffico diretto.

Ho visto account Analytics in cui l’80% del traffico di ricerca riguardava il brand. A prima vista, sembra che una buona quantità di visitatori li stesse scoprendo attraverso i motori di ricerca. In effetti, l’azienda non si classificava per nient’altro che per il proprio nome.

Per risolvere il problema utilizza Search Console per vedere quale percentuale di traffico proviene da ricerche con brand e senza brand. Vai a Prestazioni > Query > Esporta. Da qui puoi vedere se tutte le tue ricerche sono brandizzate. Se è così, devi migliorare assolutamente la tua strategia SEO .

I dati delle parole chiave che non vengono forniti


In questo caso Analytics non sta mentendo, ma sta omettendo dei dati e non corrisponde quindi a tutta la verità. Intorno al 2011 a Novembre, Google ha smesso di visualizzare alcuni dati sulle parole chiave in Google Analytics.

Ogni volta che esegui una ricerca utilizzando Google e vedi un https:// anziché http://, senza “s” nella barra degli indirizzi del browser, la frase che hai cercato non verrà condivisa con il proprietario del sito web se fai clic su su un collegamento nei risultati di ricerca di Google. La parola chiave apparirà come non fornita.

Perché le parole chiave non vengono fornite?

Esistono molti molti altri motivi per cui i dati delle parole chiave non vengono fornite. Per esempio, quando utilizzi il campo di ricerca nel browser Firefox o se hai Google Analytics bloccato in Chrome.

La soluzione: non esiste un modo corretto per recuperare tutti i dati delle parole chiave nascoste. Ma puoi utilizzare Google Search Console per scoprire alcune di queste query. Se hai aderito Google Analytics e Google Search Console, puoi trovare questi dati direttamente in Google Analytics. In caso contrario, ecco come unire Search Console a Google Analytics.

Per accedere al rapporto Query, vai su Acquisizione > Search Console > Query.

Oppure puoi usare strumenti come SEMRush, Ahrefs e Moz.

Traffico di riferimento
In teoria, il traffico di riferimento mostra i visitatori che provengono da altri siti Web.Praticamento, spesso include il traffico generato dagli sforzi dei SocialMmedia, e-mail e, in alcuni casi, il traffico da una pagina all’altra del tuo sito.

Traffico da fonti di social media
Il Social Media Marketing richiede tempo ed energia, quindi ti consigliamo di misurare l’efficacia di tali sforzi separatamente in Analytics. Ma il traffico sociale è in realtà classificato come referral o diretto. Qualsiasi clic su tweet o post senza codice di monitoraggio e all’interno di un browser apparirà come traffico di riferimento.

Alcuni strumenti di Social Media possono essere impostati per aggiungere il codice di monitoraggio della campagna ai collegamenti abbreviati. Tieni presente che se pubblichi costantemente da un servizio come CoSchedule, i tuoi post sui Social Media verranno automaticamente taggati. Utilizza lo strumento Google URL Builder per taggare i tuoi post sui social media. Ciò aiuterà Google Analytics a segmentare correttamente il traffico social da altri referrer.

Traffico da e-mail marketing


Se invii una newsletter via e-mail con un link al tuo sito e il destinatario la apre e fa clic su di essa da un browser, come Gmail o Yahoo, il traffico viene registrato come referral, anche se la vera fonte di traffico era una newsletter, qualcosa che vorresti monitorare separatamente. Questo è sempre vero a meno che tu non aggiunga il codice di monitoraggio della campagna.

La soluzione più essere quella di utilizzare il Generatore di URL per aggiungere il codice di monitoraggio della campagna a ogni link al tuo sito nelle tue e-mail. Ciò manterrà pulito il tuo traffico diretto, ma ti consentirà anche di tenere traccia di ciò che stanno facendo i visitatori delle e-mail. Di seguito sono riportate istruzioni dettagliate su come monitorare le campagne utilizzando Google URL Builder.

Traffico diretto


Ovvero tutto quel traffico per il quale non è stato specificato un referrer.
In altre parole, il traffico diretto non riguarda solo le persone che hanno inserito il tuo sito Web in un browser, è qualsiasi visita che non provenga da un collegamento su un sito Web o da un motore di ricerca e non abbia il codice della campagna. Già equivale a non sapere realmente da dove provieni.

È una sorta di contenitore universale che intende un miscuglio, come se fosse tutto il resto. Quindi include molte stranezze.

Traffico da fonti social e App mobili

Ormai è risaputo che molte attività sociali avvengono all’interno delle varie App.Tuttavia, i collegamenti nelle App non sempre vengono interpretate come  un referrer e quindi, la maggior parte delle volte sembra traffico diretto in Google Analytics.

Alcune App accorceranno automaticamente i collegamenti, aggiungendo un referrer reindirizzando il visitatore tramite un altro indirizzo. In questo modo potrai classificare il traffico social in modo più dettagliato. Non importa con quanta precisione pubblichi per un migliore monitoraggio, non puoi fare in modo che il resto dei tuoi fan e follower faccia lo stesso.

Traffico da provider di posta elettronica (per esempio Outlook)


Come per il problema del traffico di riferimento e-mail, parte del traffico proveniente da quella newsletter che hai inviato verrà aperto in programmi di posta elettronica come Outlook . Questo perché il software desktop non trasmette i dati di riferimento come fanno i browser.

Aggiungi il codice di monitoraggio della campagna al tuo email marketing per ottenere dei risultati ottimali.

Traffico che inizia offline

Possono considerarsi appartenenti a questa categoria i collegamenti in PDF, documenti Word, PowerPoint, e così via.
Le visite da link in file di pagine non web vengono registrate come traffico diretto a meno che non dispongano di un codice di monitoraggio della campagna. I file PDF sono quelli più utilizzati.

Una soluzione più essere quella di postare i contenuti da questi file al tuo sito Web e quindi condividerli da una pagina piuttosto che da un file. Un altro consiglio utile potrebbe essere quello di aggiungere un PDF a una pagina, imposta il monitoraggio degli eventi in modo da poter monitorare quando qualcuno fa clic sul tuo PDF per leggerlo o scaricarlo.

Traffico da codice campagna errato

Se Analytics interpreta il codice di monitoraggio della campagna, ignora il referrer, ma se il codice di tracciamento ha problemi, non rimette la visita nel traffico di riferimento e la inserisce nel traffico diretto.

Puoi risolvere questo problema inserendo il ​​codice di monitoraggio manualmente, fallo con attenzione e ricontrolla più volte che sia andato tutto per il verso giusto.

Traffico da una pagina con codice javascript mancante


Se c’è una pagina sul tuo sito web che non ha il codice di monitoraggio di Google Analytics o il codice di monitoraggio di Google Tag Manager installato correttamente, il traffico da questa pagina ad altre pagine verrà interpretato come traffico diretto. Ancora un altro esempio di come il traffico diretto sia davvero una miscela di tutti gli avanzi di traffico.

Utilizzando uno strumento come Google Analytics Debugger o Screaming Frog  puù risolvere il problema in modo tale da riuscire a scansionare il tuo sito alla ricerca di codice errato o mancante.

Traffico proveniente da i tuoi device

Solo de le aziende hanno molti dipendenti, questo dato può influire sulle statistiche, altrimenti se è si tratta di un team composto da meno di 5 persone, non è influente.
Infatti, se sei una agenzia o azienda enorme e non hai i filtri impostati in modo corretto, è possibile che una parte significativa del tuo traffico provenga dal tuo team. A lungo termine, questo sarà in grado di  distorcere i dati inerenti al traffico diretto.

Puoi  anche impostare un filtro in modo che il traffico proveniente dall’indirizzo IP della tua rete venga rimosso dalle tue statistiche. 

Fai clic su “Aggiungi filtro” e quindi vai su Google “qual è il mio indirizzo IP”.

Inserisci il nome del filtro > Tipo di filtro: Predefinito > Escludi > Traffico dagli indirizzi IP > che sono uguali a > ora inserisci il tuo indirizzo IP che hai ricevuto da Google. Fai clic su Salva.

Nessun cookie? Nessun dato


A differenza delle statistiche web della vecchia scuola che analizzano i file di registro sul tuo server, Google Analytics ha bisogno dei cookie per funzionare correttamente. Se il computer (o il firewall) del visitatore rifiuta i cookie, è un buco nei tuoi dati.

Ogni volta che un visitatore precedente cancella i propri cookie, alla successiva visita sembrerà un nuovo visitatore unico. Per Google, potrebbero anche essere uno nuovo.

Cookie

A proposito di cookie… Il traffico del tuo sito web è appena diminuito in Google Analytics?

Verifica se sul tuo sito web è installato uno strumento per il consenso GDPR come Cookiebot.

Quando il GDPR è entrato in vigore nel 2018, molte aziende hanno dovuto installare strumenti per il consenso dei cookie sul proprio sito Web per essere conformi al GDPR. Sono sicuro che vedrai questi banner di consenso ai cookie ogni singolo giorno mentre navighi.

Dipende da come è configurato ogni strumento, ma quello che succede è che i cookie non vengono tracciati da quegli strumenti. Pertanto, Google Analytics non è in grado di tracciare tali utenti.

Non tutti i dati vengono registrati

Possiamo considerare un eventuale calo di traffico registrato principalmente correlato al fatto che non vengono registrati tutti i dati. Ad esempio, non vengono registrati i dati di quegli utenti che semplicemente ignorano il banner di consenso ai cookie e lasciano nuovamente il sito Web senza cliccato sulle opzioni disponibili.
Questo non significa che le persone non stiano navigando sul tuo sito web, significa piuttosto, che Google Analytics non può tracciarle, quindi il traffico diminuisce in Analytics.

Non esiste davvero una soluzione per questo poiché è una legge e non vi sono sitemi per raggirarla, se non quello sconsigliabile di creare un banner che non sia a norma. Puoi scegliere come configurare gli strumenti per il consenso dei cookie. Assicurati di verificare prima con il tuo team legale o esperto in materia di essere conforme alle leggi in vigore. Una disattenzione può costarti veramente cara.

Frequenza di rimbalzo

Bouncing Rate: Perché la mia frequenza di rimbalzo è così bassa in Google Analytics?
Ci sono due ragioni principali per cui la frequenza di rimbalzo può essere bassa.

1-Il primo motivo più essere quello che hai ben due set di codice Analytics sul tuo sito web.

Se la tua frequenza di rimbalzo è a una cifra singola bassa, controlla due volte se il codice di Google Analytics è sulla pagina. In tal caso, verranno registrati pochissimi bouncing rate poiché una visita a una sola pagina (che è un “rimbalzo”) attiva il Javascript due volte.

La soluzione più essere sulla di rimuovere il codice extra e tenerne solo uno.

2-Il secondo motivo più essere quello che hai del risultato senza interazioni e il Google Tag Manager impostato su False.

Definizione di frequenza di rimbalzo

Ci occorre definire in modo dettagliato il vero significato di un rimbalzo.

Un rimbalzo in realtà non è una sessione di una pagina. Un rimbalzo è una sessione one-hit. Un hit è ogni volta che i dati vengono inviati da Analytics.
Pertanto, se un visitatore atterra su una pagina e fa clic su un collegamento fuori sede prima di visitare una seconda pagina, non verrà più conteggiato come rimbalzo, poiché si trattava di una sessione a due hit. Il primo successo è stato la visualizzazione di pagina e il secondo è stato l’evento.

Supponiamo che tu abbia impostato un evento per tenere traccia di tutti i link in uscita sul tuo sito web in Google Tag Manager. Se imposti il “Risultato di non interazione” su falso, significa che se qualcuno fa clic su un collegamento a un altro sito Web, stai impostando il dato relativo al fatto che ciò non è stato un rimbalzo. Questo farà sì che la tua frequenza di rimbalzo sia inferiore a quella che probabilmente dovrebbe essere effettivamente.

Ci sono alcuni casi in cui ha senso tenere traccia di un collegamento in uscita come se non fosse un rimbalzo.

Può tornare utile, ad esempio, sei un’organizzazione no profit e raccogli donazioni su uno strumento di terze parti come Paypal o altri strumenti finanziari. In questo caso gli utenti hanno lasciato il tuo sito per impegnarsi in una causa e poi tornare a leggere.

Le Risorse Gratuite del #MAgodelPC

Per te Gratis l’Ebook Facebook Marketing per tutti
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis  l’Ebook Digital Marketing
Per te Gratis l’Ebook Il CV Perfetto 
Se ti può interessare puoi ottenere Gratis l’Ebook Content Marketing 

Vi ricordiamo che nel nostro sito troverete molte altre Risorse Gratuite

Se vuoi rimanere sempre aggiornato puoi seguirci su Facebook .
Al prossimo articolo.
Saluti dal #MAgodelPC

b.pramaggiore

Docente e informatico da oltre vent'anni: Excel, Social Media Marketing. Specializzato in crescita organica gestisco i social e posso esserti di supporto con consulenze mirate allo sviluppo e crescita della tua azienda. Eseguo riparazioni PC, Mac e installazioni periferiche, offro assistenza da remoto e a domicilio. Creo siti Web e gestisco blog, amo la tecnologia, la natura e sono molto curioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: